Site Map

Please note:

You are viewing archival ICANN material. Links and information may be outdated or incorrect. Visit ICANN's main website for current information.

العربية 中文 English Français Español Русский 日本語 Deutsch Português 한국어 Italiano

FAQ: ICANN e il Processo di Transizione

Questo documento è stato redatto per fornire informazioni supplementari ed esplicative relativ e agli altri due documenti: il Piano d'Azione di Transizione e il Miglioramento della Fiducia Istituzionale in ICANN . Entrambi i documenti, compresa questa lista supplementare di FAQ, sono stati redatti dal Comitato Strategico del Presidente (PSC) nel giugno 2008. L'obiettivo è di favorire la discussione sul processo di transizione verso un modello concorde di coordinamento multi-stakeholder guidato dal settore privato, relativo agli identificatori unici di Internet.


1. Qual è l'obiettivo del Piano d'Azione di Transizione e del documento relativo al Miglioramento della Fiducia Istituzionale?

Il PSC ha analizzato le condizioni legali, commerciali, operative e politiche attuali di ICANN, prendendo in considerazione le prossime fasi di sviluppo organizzativo, come previsto dal Libro bianco. I commenti espressi dalla community durante la revisione a medio termine del JPA sui problemi legati all'avvio di queste fasi successive sono stati oggetto di un'attenta riflessione.

Il Piano d'Azione di Transizionecomprende una serie di misure raccomandate dal PSC. Il Miglioramento della Fiducia Istituzionale in ICANNfornisce invece informazioni utili sull'origine dei problemi, i risultati delle ricerche e alcune delle discussioni che hanno sostenuto queste misure, con l'obiettivo di rendere ICANN pronta ad affrontare il futuro. Propone inoltre alcuni degli argomenti di discussione risultanti dal Piano d'Azione di Transizione, suggeriti dal PSC alla community.


2. Cosa significa “miglioramento della fiducia istituzionale”?

Fin dal principio, ICANN si è dedicata a un processo gestito dalla community in grado di apportare miglioramenti e sviluppi costanti, per affrontare meglio i quattro principi strategici di ICANN:

  • assicurare la stabilità e la sicurezza del Sistema dei Nomi di Dominio;
  • promuovere la concorrenza e la possibilità di scelta degli utenti e dei proprietari dei nomi di dominio;
  • facilitare il processo di sviluppo bottom-up di politiche trasparenti;
  • favorire la partecipazione della community stakeholder globale nel processo di ICANN.

Il modello ICANN si ispira ai principi di responsabilità e trasparenza contenuti nel regolamento interno, rielaborato a gennaio 2008, nell'ambito dei Principi di Responsabilità e Trasparenza.

Questa recente serie di consultazioni rappresenta la fase successiva di sviluppo e di consolidamento dello straordinario modello multi-stakeholder di ICANN.

Durante la revisione a medio termine dell'Accordo di Progetto Comune (JPA) di marzo 2008 tra ICANN e il Governo degli Stati Uniti, sono stati esposti utili suggerimenti e argomenti da affrontare nell'ambito della discussione sulla transizione finale dal JPA.

ICANN si è impegnata a svolgere una consultazione pubblica sulla base di queste proposte, suggerite per migliorare ulteriormente la fiducia della community nel modello multi-stakeholder che ICANN rappresenta.


3. Cosa significa “piano d'azione di transizione”?

Quando l'Accordo di Progetto Comune si concluderà nel settembre 2009, sarà necessario completare il processo di transizione. Secondo ICANN, per raggiungere questo obiettivo occorre tuttavia migliorare alcune aree chiave. Il Piano d'Azione di Transizione evidenzia questo percorso.


4. Quali sono le funzioni di IANA e cos'è il contratto IANA?

Le funzioni di IANA (Internet Assigned Numbers Authority) comprendono una serie di attività tecniche legate a Internet e al suo sistema di identificatori unici.

Inizialmente queste attività venivano svolte dall'Università del Sud California, secondo quanto previsto dal Governo degli Stati Uniti. Grazie a un accordo con il Ministero del Commercio statunitense, oggi queste funzioni vengono svolte dallo staff di ICANN. Le funzioni previste dal contratto sono:

  • coordinare le assegnazioni dei parametri tecnici per i protocolli Internet;
  • mantenere, sotto la direzione di IETF e IAB, numerosi codici e numeri in un ampio numero di Registri di Protocolli Internet;
  • svolgere funzioni amministrative associate alla gestione root;
  • coordinare l'assegnazione delle risorse IP di Internet, inclusi i protocolli IPv4, IPv6 e AS;
  • altri servizi concordati dalle parti.

Il contratto IANA più recente può essere visionato alla pagina: http://www.icann.org/en/general/JPA-29sep06.pdf.

ICANN ha inoltre redatto, in collaborazione con IETF, un Protocollo d'Intesa (MoU) relativo alle operazioni tecniche di IANA. Per il Protocollo d'Intesa e l'Accordo Supplementare al Protocollo, consultate le pagine seguenti: http://www.icann.org/en/general/ietf-icann-mou-01mar00.htm e http://www.icann.org/en/general/ietf-iana-agreement-v8.htm.

È importante sottolineare che le funzioni di IANA sono svolte secondo quanto previsto dal contratto stipulato con il Ministero del Commercio degli Stati Uniti (tramite “NTIA”, l'Amministrazione Nazionale per le Telecomunicazioni e l'Informazione), senza rientrare nella revisione a medio termine del JPA. Qualsiasi cambiamento relativo al contratto e alle funzioni deve essere valutato da NTIA in collaborazione con ICANN e con le altre parti interessate.


5. Cos'è l'Accordo di Progetto Comune (JPA)?

Il JPA è un accordo firmato a settembre 2006 tra ICANN e il Ministero del Commercio degli Stati Uniti (DOC) per procura del governo statunitense (USG).

Il JPA comprende una serie di sette Protocolli d'Intesa stabiliti tra le due parti, inizialmente avviati nel novembre 1998, e dieci responsabilità concordate dal Consiglio di ICANN. L'obiettivo di questi accordi è effettuare la transizione della gestione del Sistema dei Nomi di Dominio verso il settore privato.

Potrete scaricare il JPA alla pagina: http://www.icann.org/en/general/JPA-29sep06.pdf.

La serie completa dei Protocolli d'Intesa e i relativi accordi sono disponibili alla pagina: http://www.icann.org/en/general/agreements.htm#jpa.


6. Quali risultati ha ottenuto ICANN con il Protocollo d'Intesa e il JPA stabilito con il Governo degli Stati Uniti?

I risultati ottenuti da ICANN sono contenuti nelle tredici Relazioni Annuali fornite al Ministero del Commercio degli USA. ICANN presenta anche gli obiettivi in via di raggiungimento relativi alla Dichiarazione di Responsabilità dell'organizzazione. I risultati includono:

  • la creazione e la revisione di un'organizzazione di supporto multi-stakeholder a favore degli interessi del mercato dei Domini Generici di Primo Livello (gTLD): il GNSO;
  • l'inserimento della concorrenza nei servizi di registrazione dei nomi di dominio per i gTLD, inclusa l'implementazione di nuovi TLD;
  • la creazione di un modello di regolamentazione per risolvere il problema della registrazione abusiva dei nomi di dominio e altre dispute di proprietà intellettuale;
  • la stipulazione di accordi legali e formali con i Registri Internet regionali, inclusa la creazione di Address Supporting Organization;
  • la creazione del Comitato Consultivo Governativo, a cui si stanno adeguando oltre cento governi e cinque organizzazioni intergovernative per partecipare al sistema unico multi­stakeholder di ICANN;
  • la stipulazione di accordi con gli operatori ccTLD, inclusa la creazione dell'Organizzazione Country Code Names Supporting; la stipula di accordi tra ICANN-ccTLD e gli operatori ccTLD, che rappresentano oltre il 60% dei proprietari dei nomi di dominio ccTLD a livello mondiale;
  • la creazione di una struttura At-Large in grado di garantire la partecipazione di individui, utenti e gruppi di consumatori attraverso cinque organizzazioni At-large regionali e un comitato consultivo At-Large globale;
  • lo sviluppo di un piano di sicurezza per garantire la continuità delle operazioni;
  • lo sviluppo di processi particolarmente significativi a livello mondiale per politiche bottom-up destinate al coordinamento del Sistema dei Nomi di Dominio, all'assegnazione degli indirizzi del Protocollo Internet e altri identificatori unici di Internet;
  • la formulazione e l'espressione, tramite accordi di registro e registrar, di misure di protezione destinate ai proprietari dei nomi di dominio generico di primo livello, inclusa l'introduzione del periodo redemption-grace e la politica di trasferimento del dominio;
  • l'istituzione di politiche globali per l'assegnazione di indirizzi IPv4 e IPv6 e di Numeri del Sistema Autonomo;
  • la creazione di un processo consultivo della community per lo sviluppo integrato del Piano Strategico di ICANN, del Budget e del Piano Operativo;
  • la realizzazione di una strategia finanziaria in grado di fornire fonti di reddito prevedibili e sostenibili;
  • un miglioramento costante della trasparenza e della responsabilità durante il processo di consultazione con la community.

7. Cos'è ICANN?

ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) è un'organizzazione multi­stakeholder no-profit. In collaborazione con governi, utenti, esperti tecnici e settore commerciale, ICANN sviluppa politiche di coordinamento degli identificatori unici di Internet, sulla base di un processo bottom-up.

Nell'ambito dell'economia moderna, la maggior parte dell'attività commerciale a livello mondiale ha fiducia in Internet. Inoltre, gran parte delle innovazioni legate a Internet provengono dal settore privato, a cui appartengono numerosi network. Risulta quindi estremamente importante garantire al settore privato un ruolo di comando all'interno dell'attività di ICANN.


8. Come funziona la gestione della root zone?

Lo staff di ICANN gestisce la root zone DNS (chiamata dominio radice), mantenendo i dati tecnici e amministrativi per i domini di primo livello, come .uk e .com. In particolare, il Database Root Zone di IANA contiene le registrazioni ufficiali degli operatori dei domini di primo livello.

IANA delega ccTLD a gestori operativi, sulla base di criteri definiti nelle norme tecniche, tra cui RFC 1591 e ICP-1. Il processo di cambiamento del gestore operativo di un ccTLD, basato anche su criteri delineati nel RFC 1591, consiste in una ridelegazione di potere.

Una volta inserito un TLD nella root zone, IANA riceve ed elabora richieste di routine dai gestori TLD, al fine di cambiare le informazioni relative ai server di identificazione ccTLD nella root zone, o i dati amministrativi dell'organizzazione, ad esempio le informazioni di contatto tecniche e amministrative. I cambiamenti nella root zone sono autorizzati dal Ministero del Commercio, conformemente ai termini del contratto tra ICANN e il Ministero del Commercio statunitense per le funzioni di IANA.

I cambiamenti della root zone sono distribuiti secondo quanto previsto dall'Accordo Cooperativo di Ricerca e Sviluppo (CRADA) tra VeriSign e il Ministero del Commercio degli USA.


9. Che cos'è l'accordo di transizione della root-zone?

ICANN e VeriSign hanno stipulato nel 2006 un accordo che prevede le seguenti attività:

  1. collaborare in merito ai problemi operativi e di sicurezza legati a operazioni stabili e sicure del sistema dei nomi di dominio, al fine di sviluppare e rendere effettive le raccomandazioni utili in grado di apportare miglioramenti;
  2. collaborare in merito alle procedure e alle migliori strategie per le operazioni del sistema root name server;
  3. delineare insieme un programma di completamento relativo alla transizione delle operazioni di coordinamento e di gestione di ARPA TLD e il sistema root zone in ICANN. L'obiettivo, in particolare, è di permettere a ICANN di redigere, firmare e pubblicare la root zone e le ARPA zone iniziate nel 2005 e completate entro il 2006. Questa operazione richiede cooperazione e prontezza da parte di tutti gli operatori del sistema root server;
  4. stabilire procedure e punti chiave per il completamento del processo di transizione del coordinamento di root zone e ARPA zone in ICANN, inclusa la redazione, la firma e la pubblicazione;
  5. presentare al Ministero del Commercio degli USA un approccio congiunto relativo ai punti c e d sopra citati, per svolgere in piena collaborazione attività di discussione, programmazione e realizzazione, incluse, se necessario, ratifiche contrattuali appropriate presentate dalle tre parti;
  6. collaborare a un progetto tecnico efficace per facilitare la transizione immediata prevista dai punti c e d sopra citati, inclusa la creazione di un team operativo e tecnico altamente qualificato, con l'obiettivo di avviare i lavori nel primo trimestre del 2005. ICANN e VeriSign dovranno anche collaborare per completare il processo di transizione, attraverso consultazioni relative alla progettazione, alla realizzazione e alla verifica dei sistemi necessari e dell'architettura per la pubblicazione e l'amministrazione di root zone e ARPA zone;
  7. collaborare e impegnarsi al fine di rendere realizzabili gli obiettivi sopra citati.

10. Qual è stato il ruolo del Comitato Strategico del Presidente all'interno di ICANN?

Il PSC è stato creato per offrire utili suggerimenti relativi alle questioni strategiche che ICANN deve affrontare. Il Comitato, formato durante il meeting di Vancouver nel dicembre 2005, ha tenuto il suo primo meeting pubblico a Marrakech nel giugno 2006.

Da allora, il PSC ha emesso un progetto di raccomandazione (San Paolo, dicembre 2006), un Rapporto Finale (Lisbona, marzo 2007) e un Aggiornamento del Rapporto Finale (Los Angeles, novembre 2007). Durante questo periodo, il Comitato ha tenuto quattro meeting pubblici e due consultazioni online. Per ulteriori informazioni sulle attività del PSC, consultate la pagina web del Comitato: http://www.icann.org/en/psc/.

Nell'ambito di questa consultazione: in occasione del meeting pubblico sulla revisione a medio termine dell'Accordo di Progetto Comune (JPA), tenuto a Washington nel febbraio 2008, il Presidente di ICANN ha imposto al PSC di avviare una discussione con la community sulle fasi successive necessarie a rafforzare la fiducia in ICANN in quanto istituzione (troverete l'indirizzo completo alla pagina: http://www.icann.org/en/jpa/chairman-address.html).

Il PSC, riunitosi la prima volta nell'aprile 2008 a Riga, in Lettonia, e poi altre tre volte tra aprile e giugno, ha sviluppato il Piano d'Azione di Transizione, questa lista di FAQ e i documenti relativi al Miglioramento della Fiducia Istituzionale in ICANN.


11. Perché è importante partecipare a queste consultazioni?

A dieci anni dalla sua nascita, il modello unico e innovativo del processo decisionale che ICANN rappresenta, conosciuto anche come “coordinamento e autorità bottom-up”, ha raggiunto il suo completo sviluppo e un buon livello di stabilità. Internet sta sperimentando un importantissimo processo di crescita e cambiamento. Ecco perché ICANN dovrà continuare ad avere un ruolo fondamentale. Grazie al livello di stabilità raggiunto, l'organizzazione è convinta che l'Accordo di Progetto Comune possa essere concluso con il Governo degli Stati Uniti entro la data prevista, a settembre 2009.

Questi adattamenti, nonché la conclusione del JPA con il Governo degli Stati Uniti, porteranno ICANN a valutare nuove opportunità e ad affrontare numerose sfide.

La consultazione è stata avviata per permettere alla più ampia community di Internet di revisionare e commentare il Piano d'Azione di Transizione e il Miglioramento della Fiducia Istituzionale in ICANN.

Se avete idee originali e concrete relative al piano di transizione, non perdete l'opportunità di partecipare a questa consultazione.


12. Come e quando si può partecipare?

Il processo di consultazione prevede tempi e modalità di accesso ben precisi. In breve:

  • meeting di ICANN a Parigi, 22-28 giugno 2008: due ore di consultazione pubblica lunedì 22 giugno, alle ore 13,30, presso l'Hotel Le Meridien Montparnasse;
  • periodo di consultazione pubblica relativa a questi documenti e invio di commenti via e-mail, revisionati dal PSC e dalla più ampia community di Internet;
  • distribuzione di una serie di documenti esaminati e migliorati, relativi alla revisione della community e alla discussione pubblica, nel mese di agosto o settembre 2008;
  • meeting pubblico al Cairo dal 2 al 7 novembre 2008 per discutere dei progetti finali.

Una volta sintetizzati, i commenti saranno utilizzati nel corso del processo di consultazione.

Oltre a queste opportunità, il PSC sta valutando l'idea di organizzare altre riunioni in tutto il mondo. Prossimamente verranno fornite ulteriori informazioni.

Per informazioni complete sui prossimi eventi e sugli sviluppi del processo di consultazione, consultate la pagina web dedicata: http://www.icann.org/it/jpa/iic/.

© Internet Corporation for Assigned Names and Numbers